Guida ai prezzi: destreggiarsi tra tipologie di capannoni industriali
Efficienza

Reparti di R&D per migliorare meccanica, design e funzionalità con attenzione al risparmio energetico.

Garanzia infinita

Rispetto dei massimi standard qualitativi per: progettazione, costruzione, montaggio e assistenza post vendita.

Pianificazione integrata

Pianificazione integrata e chiavi in mano nel rispetto dei tempi e costi.

Sicurezza

Rispetto delle normative di ogni prodotto in ogni Nazione, per la massima sicurezza.

Storia

35 anni di storia con un know how consolidato e in continua evoluzione.

Soluzioni personalizzate

Standardizzazione e personalizzazione: flessibilità progettuale e produttiva in tutte le realizzazioni.

Qualità e design

Qualità strutturale e attenzione al design, ogni prodotto è progettato per essere armoniosamente integrato con l’ambiente.

Guida ai prezzi: capannoni prefabbricati in acciaio, capannoni mobili, capannoni in muratura

guida-prezzi-capannoni-industriali

I prezzi dei capannoni industriali variano molto a seconda che si tratti di capannoni prefabbricati, in acciaio o in calcestruzzo, oppure di capannoni in muratura.

Alla tipologia di capannone, si aggiungono anche varianti strutturali, come carico neve o spinta vento a seconda dei diversi luoghi di installazione, ed eventuali materiali di stoccaggio che gravitano sulla struttura.

Inoltre, a seconda della destinazione d'uso, delle scelte tecniche e delle diverse variabili, l'oscillazione dei prezzi può essere significativa.

 

Prezzi al mq per la costruzione di un capannone

Analizziamo i prezzi di massima* per un capannone di circa 500 mq e 5 metri di altezza sviluppato con diverse modalità costruttive.

 

Capannone mobile in telo PVC 110,00 € - 170,00 € al mq
Capannone prefabbricato in acciaio 180,00 € - 280,00 € al mq
Capannone prefabbricato in cemento armato 200,00 € - 300,00 € al mq
Capannone in muratura 220,00 € - 350,00 € al mq

*I prezzi evidenziati sono da considerarsi puramente indicativi.

 

Particolari condizioni di carico che la struttura dovrà sopportare e scelte tecniche di diversi materiali giustificano la marginalità variabile dei prezzi finali.

È importante sapere che maggiore è la superficie interessata, minori saranno i costi al metro quadro.

Le variabili di costo dipendono molto anche dalle aziende che forniscono il materiale da costruzione e dalle soluzioni tecniche che si vogliono adottare ai fini della statica strutturale.

 

Quale materiale per i capannoni industriali: cemento, muratura, legno, ferro o acciaio?

Il risparmio complessivo dei costi vivi, del tempo e della manodopera è sicuramente uno dei fattori più influenti nella scelta del materiale utilizzato per la costruzione di un capannone.

Molto dipende, poi, dalla destinazione d’uso del fabbricato e dagli adattamenti tecnici necessari per lo specifico scopo.

Considerando tali fattori, scegliere capannoni prefabbricati in acciaio o capannoni mobili in telo PVC sarà di molto vantaggioso. I tempi di costruzione, infatti, rispetto a una struttura in muratura, risultano notevolmente ridotti.

A parità di mq, infatti, è possibile occupare un'area di 500mq con capannoni in acciaio in soli 40 giorni. Nel caso dei tradizionali capannoni in muratura si parla di mesi.

Le opere di fondazione e l’uso del cemento insieme ai permessi burocratici sono altri importanti fattori presi in considerazione, che esaltano i capannoni mobili in telo o in acciaio.

 

Di seguito si elencano i principali vantaggi dei capannoni mobili in telo PVC e in acciaio:

✓ RAPIDITÀ DI INSTALLAZIONE ✓ ZERO PARASSITI E RODITORI
✓ BASSO INVESTIMENTO INIZIALE E RISPARMIO DI COSTI ✓ ISOLAMENTO ACUSTICO E TERMICO
✓ SICURI, DURATURI E SISMORESISTENTI ✓ AUTOPULENTI
✓ GRANDI LUCI, INGOMBRI RIDOTTI, NESSUN LIMITE DIMENSIONALE ✓ UN ASSET STRATEGICO PER OGNI ATTIVITÀ
✓ VERSATILI, LUMINOSI,  MOVIBILI E FACILMENTE RIVENDIBILI ✓ ECOLOGICI AL 100%
✓ LUOGO DI LAVORO SANO ✓ GARANTITI 10 ANNI

 

Costruire un capannone: quali permessi occorrono?

Per chiarire gli aspetti relativi ai permessi necessari per la realizzazione di un capannone, c'è da fare una distinzione preliminare. Infatti, è possibile che la struttura da costruire abbia una destinazione provvisoria e possa essere pensata come struttura mobile (capannone mobile fisso in telo pvc o retrattile), oppure che sia da considerare a tutti gli effetti un'opera fissa.

Generalmente, nel caso dei capannoni mobili o retrattili, la burocrazia è piuttosto semplificata. Sarà sufficiente una SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) oppure una DIA (denuncia di inizio attività), corredata da attestazioni tecniche e autocertificazioni, da presentare presso gli uffici tecnici del Comune di pertinenza. Gli aspetti burocratici, in Italia, tendono a variare da comune a comune.

Nel caso di un capannone mobile o retrattile il Comune si riserverà 60 giorni per accertamenti e controlli, ma in linea di massima si può cominciare a costruire.

Nel caso di un’opera fissa che sia in cemento o in acciaio, sarà necessario chiedere regolare concessione edilizia, da ottenere sempre previa inizio della messa in opera, per evitare che i lavori vengano bloccati in corso d'opera.

Nome e Cognome
Azienda
Località
Telefono
Email
prodotto di interesse
I campi contrassegnati (*) sono obbligatori